Subida di Monte
le NOSTRE VIGNE
le NOSTRE VIGNE
Publius Vergilius Maro scriveva “apértos bàcchus amàt collés” (Georgiche 37-30 a. C.), questo per indicare che la vite predilige la collina più assoluta, i pendii ben esposti, dove assorbe direttamente i raggi del sole, trae beneficio dalle correnti d'aria e dal drenaggio naturale delle acque piovane.

Il Collio è quella fascia collinare in provincia di Gorizia che si estende a ridosso del confine
con la Slovenia, fra i fiumi Isonzo e Judrio e comprende circa 1.300 ettari di vigneti collinari specializzati.

Il territorio copre una sequenza di declivi che si sviluppano quasi ininterrottamente
lungo una direttrice ideale est-ovest, presentando ampie superfici esposte a mezzogiorno, molto adatte ad una viticoltura di gran pregio.


il COLLIO

I terreni del Collio appartengono al cosiddetto “Flysch di Cormons” costituito da un'alternanza di strati di marne e di arenarie.


La “Ponca”, parola friulana che definisce la marna,

rappresenta il migliore terreno per la viticoltura collinare: è facilmente alterabile in presenza di agenti atmosferici e si sgretola velocemente in frammenti scagliosi che in seguito si decalcificano e mutano l'originale tono grigio-plumbeo fino a dissolversi in terreno argilloso.

il COLLIO

I terreni del Collio appartengono al cosiddetto “Flysch di Cormons” costituito da un'alternanza di strati di marne e di arenarie.


La “Ponca”, parola friulana che definisce la marna,

rappresenta il migliore terreno per la viticoltura collinare: è facilmente alterabile in presenza di agenti atmosferici e si sgretola velocemente in frammenti scagliosi che in seguito si decalcificano e mutano l'originale tono grigio-plumbeo fino a dissolversi in terreno argilloso.

il TERRENO

Dove emergono le marne, il terreno è molto impermeabile con la conseguenza di provocare uno scorrimento superficiale delle acque piovane e quindi una facile erosione.

A causa di questa erosione i viticoltori sono stati costretti a terrazzare

le colline per impiantare le vigne evitando il “consumo” dei colli e lo scalzamento delle viti.


Questi terrazzi sono diventati così una caratteristica delle nostre colline.


La nostra collina presenta una ventilazione a regime di brezza che impedisce la stagnazione di aria

e umidità, evitando lo sviluppo di muffe.


I nostri vigneti risentono molto del cambiamento di stagione e

dell’escursione termica giornaliera, conferendo ai vini una buona acidità, una grande mineralità, freschezza e profumi.

il TERRENO

Dove emergono le marne, il terreno è molto impermeabile con la conseguenza di provocare uno scorrimento superficiale delle acque piovane e quindi una facile erosione.

A causa di questa erosione i viticoltori sono stati costretti a terrazzare

le colline per impiantare le vigne evitando il “consumo” dei colli e lo scalzamento delle viti.


Questi terrazzi sono diventati così una caratteristica delle nostre colline.


La nostra collina presenta una ventilazione a regime di brezza che impedisce la stagnazione di aria

e umidità, evitando lo sviluppo di muffe.


I nostri vigneti risentono molto del cambiamento di stagione e

dell’escursione termica giornaliera, conferendo ai vini una buona acidità, una grande mineralità, freschezza e profumi.

Agrotech Soc. Agr. a R.L.

Via Subida n.6 , 34071

Cormons (GO) Italia


Tel 0481.610

Cel 347 0482861


info@subidadimonte.it


AgroTech Soc. Agr. a R.L

partita iva: 01208140317

Privacy Policy / Cookie Policy